[ Back to EurekAlert! ] EMBARGO – DA NON PUBBLICARE PRIMA DELLE 14.00,ORA costa est degli Stati Uniti, 20.00, ORA ITALIANA DI Giovedì, 10 luglio 2003

Contatto:
Science Press Package
scipak@aaas.org
202-326-6440

Gabriele Bertipaglia-Laura Arghittu
tel. 00-39-02-2643-3000
fax 00-39-02-2641-7386
ufficio.stampa@hsr.it
Ufficio stampa Istituto Scientifico San Raffaele

Nuove prospettive per il trattamento della distrofia muscolare: le cellule staminali riparano la muscolatura di topi affetti da distrofia muscolare

Ricerca pubblicata con grande rilievo su Science come ‘research article’

Un modello di topo affetto da distrofia muscolare suggerisce che un tipo di cellule staminali scoperte nei vasi ematici potrebbe un giorno portare al recupero dei muscoli atrofici nei pazienti affetti da distrofia muscolare (DM).

Gli autori avvertono che è necessario condurre ulteriori ricerche prima di considerare l'applicazione di tali scoperte agli esseri umani. Nondimeno, tali risultati lasciano intravedere nuove prospettive per ricerche che ad oggi non hanno dato esito favorevole. Lo studio è pubblicato sulla rivista Science, dell'associazione scientifica AAAS (American Association for the Advancement of Science).

Il gruppo di ricercatori guidati da Giulio Cossu - che lavorano presso l'Istituto per le cellule staminali dell'Istituto Scientifico San Raffaele di Milano, l'Università di Roma e l'Istituto di biologia cellulare e ingegneria tessutale di Roma - ha scoperto che queste cellule staminali possono attraversare il circolo ematico e raggiungere il tessuto muscolare. Qui le cellule sembrano assumere un nuovo ruolo, contribuendo a generare nuove fibre muscolari nei topi con sintomi simili alla DM.

La DM è caratterizzata da una serie di disturbi causati da difetti genetici che nel tempo portano ad atrofia muscolare ingravescente. Al momento, questi disturbi non sono curabili.

"I risultati sono molto interessanti, ma i topi non sono stati curati definitivamente", ha detto Cossu. "Crediamo che sia un passo significativo verso la definizione di una terapia, ma il problema che mi preoccupa maggiormente è se funzionerà anche negli animali superiori".

L'équipe di Cossu ha condotto la sperimentazione su topi con lo stesso difetto genetico che causa una forma di DM negli esseri umani. Se le stesse cellule staminali, denominate "mesoangioblasti", possono essere isolate nei pazienti con DM e se tali cellule rimangono pluripotenti come nelle fasi precoci della loro vita, potrebbero offrire nuove prospettive per il trattamento della malattia.

L'approccio prefigurato da Cossu e colleghi implica il prelievo dei mesoangioblasti dai vasi sanguigni del paziente, la "manipolazione" genetica e la riproduzione delle cellule in laboratorio, e la loro reimmissione nel circolo ematico del paziente. Le cellule quindi migrerebbero verso i muscoli, cominciando a generare cellule muscolari sane.

Le cellule, provenendo dal paziente stesso, non scatenerebbero alcun rigetto da parte del sistema immunitario.

La ricerca di una terapia per la DM "è stata contrassegnata da una lunga e frustrante serie di fallimenti", ha dichiarato Cossu.

"Il problema è come far arrivare le cellule - o nel caso della terapia genica, il vettore virale - a tutti i muscoli. Sfruttando il sistema circolatorio, si possono diffondere in modo omogeneo le cellule o il vettore fino a raggiungere tutte le fibre muscolari", ha affermato Cossu.

Secondo gli autori dell'articolo apparso su Science, è indispensabile risolvere ancora diversi problemi fondamentali prima che tale terapia possa essere applicata agli esseri umani.

In primo luogo, queste particolari cellule staminali rappresentano ancora una novità per gli scienziati. Cossu e colleghi le hanno scoperte circa un anno fa e stanno ancora studiando come identificarle e qual è il loro ruolo nell'organismo. Finora, l'équipe di Cossu ha isolato i mesoangioblasti umani solo nei vasi ematici fetali.

Sono necessarie ulteriori ricerche anche per la fase di "manipolazione genetica" della terapia, che implica l'inserimento della versione sana di un gene nella cellula staminale. Nello studio SUI TOPI di Cossu, il lentivirus utilizzato per trasportare il gene si è dimostrato efficiente come auspicato dai ricercatori, pur ponendo seri timori in termini di sicurezza per gli esseri umani. Rimane da vedere se il più sicuro retrovirus sia all'altezza di tale compito.

Quando lo scorso anno Cossu e colleghi hanno identificato per la prima volta i mesoangioblasti è risultato che queste cellule possono differenziarsi in vari tipi cellulari, come le cellule ematiche e il tessuto osseo, muscolare e connettivo. I ricercatori hanno anche scoperto che le cellule migrano dai vasi sanguigni in risposta a una reazione infiammatoria.

Per questo studio, i ricercatori hanno iniettato i mesoangioblasti nelle arterie di topi privi del gene alfa-sarcoglicano. Questo gene - come diversi altri -, se difettoso, causa un tipo di DM denominata distrofia muscolare dei cingoli.

I ricercatori hanno riscontrato una porzione significativa di mesoangioblasti normali nei muscoli a valle dell'arteria iniettata. Inoltre, sono stati condotti esperimenti con mesoangioblasti modificati geneticamente, reintegrando nelle cellule le versioni sane del gene alfa-sarcoglicano. Tre mesi dopo una singola iniezione, i ricercatori hanno trovato nei muscoli dei topi proteine alfa-sarcoglicane sane.

Quando l'équipe di Cossu ha esaminato i topi ha riscontrato che i muscoli trattati contenevano fibre muscolari più grandi e numerose e apparentemente normali. Gli animali trattati inoltre erano in grado di camminare su una ruota girevole più a lungo degli animali non trattati, benché non quanto i topi sani.

"Sono convinto dell'importanza di questi risultati, ma non è ancora la terapia, né per i topi né per i pazienti" ha detto Cossu.

###

I coautori dello studio di Cossu sono Maurilio Sampaolesi, Anna Innocenzi, Rossana Tonlorenzi e M. Gabriella Cusella De Angelis dell'Istituto per le cellule staminali dell'Istituto Scientifico San Raffaele di Milano; M.G.C. De Angelis lavora anche presso l'Università di Pavia; Yvan Torrente e Nereo Bresolin lavorano presso l'Ospedale Maggiore Policlinico di Milano; N. Bresolin lavora presso l'Istituto E. Medea, Bosisio Parini, di Lecco; M. Antonietta Pellegrino e Roberto Bottinelli lavorano presso l'Università di Pavia; e Rita Barresi e Kevin P. Campbell lavorano presso l'Howard Hughes Medical Institute e la University of Iowa di Iowa City (Iowa, USA). Lo studio è stato finanziato da Telethon/Fondazione Zegna, Comunità Europea, Duchenne Parent Project Italia/Compagnia di San Paolo, Muscular Dystrophy Association, Fondazione Istituto Pasteur-Cenci Bolognetti, Associazione Italiana Ricerca sul Cancro (AIRC), Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e il Ministero della Salute italiano.

Fondata nel 1848, l'Associazione Americana per l'Avanzamento delle Scienze (American Association for the Advancement of Science, AAAS) ha contribuito al progresso delle scienze per il benessere umano attraverso progetti, programmi e pubblicazioni nel campo delle scienze politiche, didattiche e della cooperazione scientifica internazionale. La AAAS e la sua rivista, Science, vantano quasi 140.000 abbonamenti sottoscritti da individui e istituzioni, oltre a 272 organizzazioni affiliate in più di 130 paesi, raggiungendo in tutto 10 milioni di individui. La AAAS pertanto rappresenta la più grande federazione di scienziati al mondo. Science è un settimanale indipendente, multidisciplinare, a consulenza editoriale, che figura tra le riviste scientifiche più prestigiose in tutto il mondo. AAAS gestisce EurekAlert! (http://www.eurekalert.org), il notiziario online che pubblica le più recenti scoperte in campo scientifico e tecnologico.


[ Back to EurekAlert! ]